Passa ai contenuti principali

Plumcake ai frutti rossi

Quando viene chiesto a un italiano cosa rimpiange dell'Italia, potete starne C-E-R-T-I, troverete "i biscotti della colazione" tra le prime cinque risposte.
Non essendo un'enorme consumatrice di biscotti e una gran produttrice di inguazzi pasticceri beh, il problema (che per me non sussisteva ma tant'è) è stato presto risolto. Alternando dolcetti come questi al classico pane burro d'arachidi e marmellata o all'ormai inflazionato Overnight oats riesco sempre a far colazione uscendo di casa soddisfatta e sazia...dite poco. ;-)

Kuchen, Tee und Buch. Und die Welt sieht wieder fast dezent aus..und nach dem Spaziergang muss man sich stärken 😉 #Wochenende #hopelesswanderer #veganblog #foodtherapy #diätistkeinmöglicherbegriff

(La foto é mia, il dolce pure... La prima la trovate qui https://instagram.com/p/BDLl48bNkd6/ e il secondo ahem...mangiato ^^" )

Ingredienti 
110 gr di farina 00
60 gr di zucchero
125 gr di acqua tiepida
Lievito (un cucchiaino)
Vaniglia (estratto)
10 gr di farina di cocco
Frutti rossi qb (evtl anche surgelati)
3-4 cucchiai di olio di semi

Procedimento
In una ciotola mescolate gli ingredienti secchi (per la vaniglia andate a gusto personale, ma é importante non copra il gusto del cocco), prima di aggiungere quelli liquidi e mescolare con una frusta da cucina sino a creare un composto cremoso e mediamente spumoso. Mettere in uno stampo da plumcake (quello che ho io é biporzione. Per gli stampi normali raddoppiate le dosi) e terminare con i frutti rossi sopra.
Infornare a 180ºC per circa 30 minuti. Fate comunque la prova stecchino, mi raccomando ;-)

É un dolce leggero ma morbido e buonissimo...il fatto sia acqua e non altro a far da parte liquida non intacca per niente il sapore o altro, oltre ad essere un vantaggio in quanto un articolo in meno da reperire fa anche comodo.. ;-)
Che ne dite di provarla e farmi sapere che ne pensate? :D

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…