Passa ai contenuti principali

Gegen Murphy || Murhpys Gesetz ist nicht meins

(Per il titolo, andate QUI.)

Ieri in Spagna sono morti degli studenti a causa di un incidente stradale.
Altre morti che si vanno a sommare a un bilancio che ogni giorno - ogni dannato giorno - si fa sempre più tragico... oltre ai rifugiati che spesso non ce la fanno a raggiungere la salvezza nella quale sperano e per la quale spesso investono il poco che hanno, oltre alle morti per attentati terroristici, oltre a non ce la fa più e decide di dire addio a questa terra..
La cosa ironica - se di ironia si può parlare - era ieri fosse la giornata mondiale della felicità...chiamatemi inguaribile sognatrice ma mi piace pensare - sperare! - che sino all'ultimo queste persone abbiano conservato una briciola di felicità e di speranza. Di potercela fare, di poter vedere di nuovo il sole, di poter riabbracciare coloro che amavano, di potersi sentire nuovamente a casa e al sicuro.

Per questo - per continuare a sperare, sorridere, forse semplicemente andare avanti - ho deciso (con un giorno di ritardo, ma tant'è..) di spendere qualche minuto e fare una lista i alcune delle cose - persino delle banalità, volendo - che mi rendono felice. Ogni volta che le cose non andranno come vorrei, saprò a cosa aggrapparmi.

Infornare un dolce nel week-end e iniziare la settimana facendo colazione con qualcosa di speciale.
Se volete una ricetta sfiziosa e facilissima, andate qui.
Un buon libro e una tazza di the.
Che ne dite di dare un occhio all'ultimo romanzo di Sarah Kuttner?
Della buona musica.
A lato della pagina trovate la playlist che aggiorno in continuazione con le mie scoperte musicali vecchie e nuove.
Andare a fare una passeggiata e mettermi a fotografare come se non ci fosse un domani.
Un paio di foto le trovate qui, le altre le trovate negli articoli di DCEE. Sì, sono tutte foto mie ;-)
Cucinare per chi amo.
Nutrire qualcuno significa amarlo. Se possiamo farlo in maniera sana, equilibrata e consapevole tanto meglio.
Aiutare il prossimo.
Il mondo è pieno di ottimi esempi di solidarietà e la cosa fantastica sta nel fatto che la maggior parte di questi non ci costa nulla, se non un po' di tempo. E tra una giornata passata a ciondolare ed una spesa a far star meglio il prossimo beh... la scelta è presto fatta. ;-)
Guardare dei bei film.
Da sola o in compagnia, al cinema o sul divano.. beh, se il film merita (come "La vita segreta di Walter Mitty".. l'avete già visto?) mi ci dedico ben volentieri. :-)
Stare con le persone che amo e che mi fanno stare bene.
Amici, famiglia, vecchie conoscenze... che vita sarebbe senza di loro? ♥


La lista è lunga e progetto di allungarla ancora... chiamiamolo work in progress...in questi mesi fatti di cronaca nera, momenti bui, salite e discese ho realizzato che affidarci a ciò che ci rende felici può essere una buona medicina. Per tutto il resto c'è il cioccolato.. ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…