Passa ai contenuti principali

The Secret life of Walter Mitty (I sogni segreti di Walter Mitty)

To see the world, things dangerous to come to, to see behind walls, to draw closer, to find each other and to feel. That is the Purpose of life.


Tempo fa decisi di dedicare una sezione di Hopeless Wanderer a film e/o cortometraggi il cui tema era il viaggio. Quello fisico, quello mentale, le lunghe peripezie delle nostre membra ma anche quelle del nostro intelletto. 
"I sogni segreti di Walter Mitty" mi è sembrato un buon modo per iniziare, probabilmente perché mostra entrambi gli aspetti del viaggiare e - nemmeno a dirlo - perché è uno dei miei film preferiti. Dal cast alla colonna sonora - che spazia da David Bowie a José Gonzaléz ai Of Monsters and Men - non c'è proprio nulla che io non ami in questo piccolo capolavoro. 
La trama è abbastanza semplice e di base poco innovativa: un uomo americano con la tendenza a  sognare perennemente ad occhi aperti avventure mirabolanti vede il proprio mondo fatto di piccole certezze crollare davanti ai suoi occhi. A seguito di una piccola-grande rivelazione, Walter Mitty decide di affrontare un lungo viaggio in giro per il mondo, mettendo da parte la tranquillità monotona della vita da impiegato per riscoprire il se stesso avventuroso e appassionato che era. Nulla di nuovo sotto il sole, insomma: ci sono gli ementi della caccia al tesoro, l'eterna dicotomia tra noia quotidiana e entusiasmo un po' bambino portato dall'avventura e qualche accenno di tragedia familiare. L'happy ending non manca, la storia d'amore nemmeno e, seppure basansosi su veri e propri topoi del cinema, si tratta veramente di un piccolo tesoro che - ancora una volta - ci ricorda che c'è una differenza fondamentale tra il raccontare e il saper raccontare.

Un po' per caso un po' per (s)fortuna, Walter Mitty si ritroverá ad essere protagonista di un'avventura indimenticabile, fatta di  fotografie scomparse, lotte con gli squali, incontri coi signori della guerra in Afghanistan, eruzioni vulcaniche in Islanda e la consapevolezza che la vita è fatta di avventura, ricerca, sfida e bellezza. Quella stessa bellezza che non ha bisogno di venir fotografata per poter rimanere impressa. Nel cuore e sulla retina. (Sì, anche la fotografia occupa un posto di favore nel film di Stiller. Insomma... come non amarlo?)


Anno: 2013
Durata: 109 minuti
Regia: Ben Stiller


Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…