Passa ai contenuti principali

#amoredimmelo

L'undici ottobre - ormai lo sanno quasi tutti - è la giornata mondiale del Coming-Out.
Non un'occasione per mettersi sul balcone e urlare "Sorpresa!" sventolando una bandiera arcoabaleno - intendiamoci! - bensì un modo per ricordarci il nostro diritto - o diritto/dovere? - a essere fedeli a noi stessi e a volerci bene al punto da vivere la nostra verità. Tutto questo - naturalmente - sempre secondo le circostanze con le quali dobbiamo quotidianamente fare i conti.
Insomma... la rete è piena di storie bellissime ma anche di vicende decisamente incresciose, dove a farla da padroni sono famiglie intolleranti che fanno dell'omosessualità di un figlio una questione personale e spesso anche un disonore. Fate attenzione, tutelatevi e andrà tutto - se non benissimo - perlomeno meglio di quanto non avrebbe potuto essere in caso lo aveste fatto seguendo l'impulso del momento.

Quando ho preso il coraggio a due mani e l'ho detto a mia madre, l'ho fatto perchè ero stanca di mentire o di dover omettere dettagli sulla mia vita privata in famiglia. L'ho fatto però con la sicurezza di non dover vivere sotto lo stesso tetto con loro, ma a 1100 km di distanza, e di avere una rete di supporto non indifferente, fatta di amici davvero speciali e - ognuno a modo proprio - sempre presenti.
E' stato facile? No. Avevo le mani che tremavano (e stringevo un volante. Ancora non ho capito come siamo sopravvissute senza portarci un pezzo del guard-rail dell'A6 a casa), speravo che l'adrenalina post-concerto del cantante preferito di mia madre le avesse lasciato endorfine sufficienti a attutire il colpo e - non ridete! - presa dal panico ho persino cercato di metterla sul ridere.
Lei, come se niente fosse, si è stretta nelle spalle e mi ha detto qualcosa sul genere "Ah, sì. Beh, lo immaginavo. Va bene. Ciao".
La fetente! Io sudavo freddo e lei se la ridacchiava sotto i baffi.

Ci riflettevo prima. Onestamente credo che il coming out più difficile, spesso, sia quello con noi stessi. Abbiamo idee quasi preconcette su quello che vogliamo da noi stessi, quello che vogliamo fare della nostra vita, quello che spesso pensiamo di dover essere. Una volta fatta pace con l'idea che tante volte è l'inaspettato a regalarci i momenti e le emozioni più belle, il gioco si fa un poco meno complesso. Solo un poco. In ogni caso, poi, vale sempre la pena di essere giocato. Fidatevi. ;-)

Vi lascio con un video *meraviglioso* fatto dall'Agedo per questa giornata speciale. Pure a me che ho ormai il cuore rinsecchito e petulante, ha strappato un sorriso commosso. Questi sono i genitori che ho avuto in dono, questo è il tipo di genitore che - se mai avessi un figlio - vorrei essere.



Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…