Passa ai contenuti principali

Wheels turn beneath my feet {{Eisenach}}


[Credit al titolo: la canzone che da "spessore" al titolo è Wheels dei bravissimi Fink. QUI il link per poterla ascoltare]
[Tutte le foto sono mie, alcune non sono nemmeno troppo belle temo.. ;-) ]


La piazza del teatro di Eisenach
La mia gita a Eisenach risale a circa un annetto fa.
Approfittando della giornata di sole - e dell'offerta della Deutsche bahn - mi sono messa di buon ora su un treno e sono filata di corsa sino a Eisenach, una cittadina decisamente deliziosa, della quale conservo un bellissimo ricordo.
Peraltro, essendo vicinissima al Thüringer Wald, conserva in sè un delizioso contrasto tra cittadina e area boschiva.
Non si tratta di un enorme centro cittadino, ma ci sono alcune tappe obbligatorie che davvero non potete perdervi... insomma, infilatevi un paio di scarpe comode e venite con me! ;-)

Entrando in città vi ritroverete subito davanti questo: la porta della città e la vicina chiesa di San Nicola.



Martin Luther vi soggiornò nel 1498 e nella città si dice apprese il latino. Il 2 maggio 1521 - di ritorno dalla Dieta di Worms - vi tenne una predica e rimase in città sino al primo marzo 1522, sotto la protezione di Federico il Saggio che lo constrinse a una "falsa prigionia" durante la quale il monaco tradusse la Bibbia dal greco al tedesco. La città diverrà protestante nel 1528.

La Lutherhaus (dentro è visitabile)

Inoltre Goethe vi soggiornò più volte: fu ospitato da alcuni nobili locali, oltre ad aver soggiornato nel Wartburg.

Cartello a lato del palazzo della famiglia Bechtolsheim presso la quale soggiornò

Palazzo della famiglia Bechtolsheim







Inoltre nel 1685 vi nacque Johann Sebastian Bach e il padre - Johann Ambrosius - era il direttore dell'orchestra di fiati di Eisenach.

Statua di Bach
Casa della famiglia Bach, naturalmente restaurata

Infine il Wartburg. Come vi ho già accennato, Goethe vi soggiornò e Luther vi fu "tenuto prigioniero" (in buona sostanza era un ospite del castello. La prigionia doveva solo risultare agli occhi del papato, ecco). Si tratta di un borgo medievale patrimonio dell'Unesco che si può raggiungere col bus o a piedi (io ho optato per la seconda e complice il sole ho ringraziato l'arrivo del bus di ritorno con particolare ahem.. sentimento). A Natale si anima dei tipici mercatini di Natale, naturalmente in veste medievale.

Wartburg

Vi lascio con qualche altra foto, sperando di avervi invogliato a farci un salto. Dal punto di vista dell'Impegno non ci mettereste molto a visitarla (una giornata prendendovela molto molto comoda) e tempo permettendo la vista è comunque notevole. :D








Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…