Passa ai contenuti principali

Impressioni di Settembre

[Credits al titolo (ma servono sul serio?): QUI]

Questa ricetta ha una storia un po' buffa...
Un mio car(issim)o amico è un estimatore del matcha, me ne parla entusiasta ogni volta che ci sentiamo e si è addirittura comperato l'apposito frustino in bamboo e la tazza in porcellana giapponese per non farlo ossidare. Ne conosce grammature, temperatura dell'acqua e proprietà benefiche... insomma, ci fosse un fanclub del matcha lui ne sarebbe come minimo tesoriere.

Un giorno, facendo la spesa all'emporio arabo ho visto questa bellissima scatolina con le scritte dorate e disegni di pellicani su sfondo verde acqua che mi chiamava promettendomi faville. Ecco, peccato il matcha in questione fosse cinese e leggermente più amaro del previsto... 
Non riuscendo sempre a berlo mi sono detta che era una buona occasione per iniziare a sperimentare in cucina (anche in virtú di un prezzo decisamente contenuto rispetto all´equivalente giapponese) e non essendo un amante di creme e cremine questa mi pareva un´ottima soluzione.

Ecco a voi i miei Matcha-Schoko-Muffin :D



Ingredienti (per 12 muffins):
265 gr di farina
120 ml di sciroppo d´acero
180 ml di latte di soia
60 ml di olio di semi
1 cucchiaio di amido 
1 bustina di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di vaniglia in polvere
1 e 1/2 cucchiaini di polvere di matcha
1 punta di sale
75 gr di gocce di cioccolato 

Procedimento:
Unite gli ingredienti liquidi e mescolateli bene con una frusta da cucina. In una terrina unite quelli solidi - escluso il cioccolato - avendo cura di setacciare l´amido e lo lievito affinché non si formino grumi. Versate poi i liquidi e mescolate, aggiungete il cioccolato,reglando eventualmente con un poco di latte di soia per rendere il composto sufficientemente liquido (deve ricordare un poco il classico impasto da torta allo yogurt, per quanto riguarda la consistenza).
Riempite dei pirottini per i 2/3 e infornate per 18 minuti in forno preriscaldato a 200°C. A circa metà cottura coprite con dell'alluminio in modo che non si scuriscano troppo. Fate comunque la prova stecchino. 

Hanno un gusto inaspettato, forse perchè spesso tendiamo ad associare il verde alla menta. Sono golosi e molto molto freschi, merito appunto del matcha. 

Morale della favola? Il the verde fa sicuramente benissimo ma mica lo si deve necessariamente bere... ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…