Passa ai contenuti principali

Norden (für alle und Pro Asyl)

Spaceman Spiff è stata la mia prima vera scoperta musicale "di pancia" qui in Germania.
Non so bene perchè l'ho amato così tanto sin da subito, ma so che le sue canzoni mi accompagneranno ancora per tanto tanto tempo.

Volevo aspettare di scrivere un pezzo per "Donne che Emigrano all'Estero - il sito" (presto sui vostri schermi) a tal proposito, ma ho dovuto cogliere l'occasione per iniziare a parlarne qui (in altri termini) perchè ieri è successa una cosa proprio bella, che mi ha fatto sorridere e persino un po' commuovere...

La questione dei rifugiati siriani ormai occupa le cronache di mezza Europa, e se c'è una cosa che ho tanto tanto apprezzato nel modo in cui sono stati accolti - e nel modo in cui si sta gestendo la situazione - è il fatto l'aiuto parta anche e soprattutto dalla comunità. Senza star a guardare alle figure politiche, insomma, i singoli individui si sono organizzati e si stanno organizzando con raccolte di fondi e di generi di prima necessità, con traduzioni gratuite e persino mettendo a disposizione il divano di casa propria.
Per darvi un'idea di quello che succede invece dove abitano i miei genitori, vi basti sapere che un gruppo di rara Intelligentia ha cercato di raccogliere un numero di firme sufficienti in modo da impedire al comune di accogliere un gruppo di rifugiati perchè avevano paura di malattie e delinquenza. Leggo quotidianamente stati di FB da parte di ex colleghi che si sbizzarriscono con definizioni tra cui campeggiano le sempre attuali "ruba lavoro" e "delinquenti" e che sono fermamente convinti del fatto queste povere anime si facciano la bella vita alle loro spalle...

Ma torniamo a noi... Una buona parte della scena musicale che seguo (leggasi ad esempio Grand Hotel van Cleef) si è mobilitata, con concerti donazioni e quanto altro. Spaceman Spiff ieri ha rilasciato questo:


Su Bandcamp ha rilasciato una canzone - Norden - che può essere scaricata dando un prezzo a piacere. Tutti i proventi raccolti andranno in questo caso non a lui bensì a "Pro Asyl".
Ora, oltre al fatto che la canzone è proprio tanto tanto bella, intima e un po' malincolica, questa è una buona occasione per fare del bene. Anche perchè un Euro da parte lo abbiamo tutti, a costo di risparmiarci un caffé o un biscotto al bar vicino al lavoro. ;-)
Chiamatemi idealista, chiamatemi credulona ma io a lui credo. Forse perchè l'ho visto live e ho avuto la pelle d'oca per due ore, forse perchè quando canta sembra racconti sempre di *noi* ma a quegli occhi e a quella voce io credo. 
Poi insomma... è un ragazzetto di provincia che si è trasferito ad Hamburg perchè - questo l'ho letto stamattina.. - aveva paura che Berlino fosse troppo grossa per lui. Come potrebbe un omino così tenero fare qualcosa di diverso con quei soldi?

Se volete sentire il pezzo e fare una piccola donazione, vi lascio il link. 
Ascoltatelo, amatelo e amate il prossimo...

http://spacemanspiff.bandcamp.com/album/norden-f-r-alle-und-pro-asyl



Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…