Passa ai contenuti principali

La madre degli idioti...

Ieri sera, dopo aver finito di lavorare in quel di Erfurt, stavo tornando tranquillamente in stazione, dove avrei poi aspettato il treno per tornarmene buona buona a casa.
Immettendomi nella strada che porta a quella zona del centro che si chiama Anger ho visto qualcosa come tre o quattro tram in fila, che non si muovevano. Gli autisti stavano addirittura scendendo dai mezzi cercando di capire cosa fare.
Muovendomi a piedi non sono rimasta nel "blocco" più di un minuto ma posso assicurarvi che mi è bastato...
Un folto gruppo di persone dai 18 ai 65 anni appartenenti al gruppo politico Alternative für Deutschland stava manifestando in maniera più rumorosa del solito - quel livello di decibel di norma lo raggiungono solo gli Ultras, da queste parti - contro la politica di aiuti ai rifugiati e il disinteresse della classe politica nei confronti delle famiglie.
Insomma, se da un lato ci sono iniziative bellissime da parte non solo delle persone con un seguito - si veda Spaceman Spiff, i Feine Sahne Fischfilet, Marcus Wiebush, Max Prosa e tanti altri - ma anche da parte dei cittadini, dall´altra il morbo dell´imbecillità ancora non è stato debellato.

Io non metto in dubbio il fatto ci possano essere stati dei tagli, non ho i numeri in mano per questo non mi permetto valutazioni sulla realtà economica della situazione. Una cosa però la voglio dire: fermarsi alla realtà economica e dimenticarsi dell´evidente portata umana della questione è disgustoso, okay? Perchè se da un lato tutti fanno e stanno facendo - spesso loro malgrado - dei sacrifici, il rovescio della medaglia sono persone che fuggono da una guerra, che abbandonano un posto che probabilmente non vedranno mai più, che non si sentiranno più a casa per anni e che spesso chiuderanno gli occhi solo per sentir rimbombare nelle orecchie spari e esplosioni.
Se voi davanti a immagini del genere riuscite ancora a dire "prima noi, poi loro" o a pensare al livello di criminalità, ai pidocchi, alle zecche, persino ai 35€ pro capite - in Italia - che pensate loro vedano quando la realtà dei fatti è diversa beh...io due domandine sulla povertà intellettuale, sull´egoismo e sulla mediocrità dell´individuo me le farei.

Non è colpa dei rifugiati se alcuni anziani percepiscono 500,00€ di pensione, come non è colpa loro se la sanità viene tagliata come nemmeno un bonsai da potare. Spostare l´attenzione dalla classe politica a persone che in questo gioco di potere al più impersonano delle vittime incolpevoli é davvero l´ennesimo scivolone di un popolo che tanto tanto amo ma che a volte mi pone davanti al solito, annoso quesito: "Perchè?".

Ai posteri l´ardua sentenza. Posto - naturalmente - che questi posteri abbiano ancora un mondo decente in cui vivere...

QUI un articolo sulla manifestazione di ieri.

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…